Magazine

Magazine

Kokeshi, una tradizione che sfida il futuro

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Simbolo ed espressione dell’affascinante cultura giapponese, le kokeshi (こけし) sono bambole tradizionali provenienti dalla regione del Tohoku

una zona molto conosciuta per le sue onsen (terme). La loro origine e perfino l’etimologia risultano incerte infatti, soltanto nel 1939, durante la Kokeshi National Convention (全国こけし大会), è stata ufficialmente accettata la scrittura in hiragana per ovviare alle numerose ipotesi circolanti.

Molto probabilmente, la prima kokeshi risale all’epoca Edo (1600-1868) quando Kijishi, un falegname della prefettura di Miyagi, cominciò a fabbricare queste bambole come souvenir per i visitatori delle onsen. Inizialmente, regalare o acquistare per sé delle kokeshi, aveva un significato spirituale: per la loro perfezione formale esse rappresentavano, infatti, il desiderio di avere un figlio sano. Un’altra funzione poteva essere quella di servire da oggetto per i massaggi, grazie alla mancanza di articolazioni e alla loro forma rotondeggiante. Generalmente, le kokeshi sono fabbricate con legno stagionato per diversi mesi; esso può essere di ciliegio o di corniolo (ミズキ mizuki che significa letteralmente “legno d’acqua”, forse perché utilizzate come amuleto contro gli incendi).

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

La loro lavorazione si presenta abbastanza semplice anche se particolarmente lunga: la bambola viene prima tagliata in due blocchi (testa e corpo), in seguito viene tornita, lucidata e assemblata mediante una corda o una specie di elastico; successivamente l’artigiano dipinge a mano il viso, i capelli e il kimono. I motivi floreali dei kimono permettono di riconoscere l’esatta provenienza di queste bambole, anche se la regione che ne produce di più resta sempre il Tohoku.
E’ possibile distinguere due tipi di kokeshi: quelle tradizionali (伝 統 こ け し, dento-kokeshi), classificate in 11 tipi in base alla zona di provenienza; e quelle creative (新型こけし, shingata-kokeshi), realizzate a partire dalla seconda metà del ‘900, di forma e ispirazione artisticamente più sofisticata.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Oggi le kokeshi sono largamente diffuse non solo in Giappone ma anche in Occidente, tanto che la loro produzione è diventata in alcuni casi industriale. Questo ha necessariamente inciso sulla qualità dei materiali (quasi sempre plastica o resine) e sulla loro funzione, che si presenta come meramente decorativa. Le moderne kokeshi hanno colori sgargianti e un design ispirato prevalentemente ai manga; gli abiti riproducono le mode del momento ed influenzano perfino le industrie cosmetiche, che propongono trucchi che rimandano a queste singolari bambole.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Tuttavia, per quanto la loro commercializzazione le abbia rese meno caratterizzanti, le kokeshi restano un patrimonio indiscutibile della tradizione del Sol Levante e conservano intatto il loro fascino antico e misterioso.

Stefania Cornario © riproduzione riservata

Social Share:

I tuoi commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Potrebbero interessarti altri articoli in questa sezione?

Ikebana International
Luca Ramacciotti

Ikebana International Ikebana International è un’associazione culturale no profit dedicata alla diffusione e alla promozione dell’arte giapponese dell’ikebana. Nasce su...

Mederu
Stefania Cornario

Mederu Tradurre (dal latino tra‐ducere: condurre al di là) significa trasporre in una lingua diversa una serie di parole che...

Capolavori della scultura buddhista giapponese
Riccardo Rosati

Capolavori della scultura buddhista giapponese E' da poco terminata la mostra organizzata con la collaborazione del Bunkachō (l’Agenzia per gli...

Un allenamento di Kendo (3)
Daniele Sacco

Un allenamento di Kendo (3) Come detto nei precedenti articoli le prime due guardie sono adottate nei combattimenti usando lo...

Visita all'Istituto Giapponese di Cultura Roma
Jacopo Coli

Visita all'Istituto Giapponese di Cultura Roma Nel cuore di Roma, vicino la Galleria Nazionale d'Arte Moderna, in via Gramsci 74,...

Un allenamento di Kendo (2)
Daniele Sacco

Un allenamento di Kendo (2) Si passa ai Suburi, questi sono esercizi per migliorare la coordinazione principalmente tra piedi e...

Un allenamento di Kendo
Daniele Sacco

Un allenamento di Kendo Bene, siamo pronti per praticare un allenamento di Kendo, ma in cosa consiste una pratica tipica...

Ma cos’è questo Kendo?
Daniele Sacco

Ma cos’è questo Kendo? Qualcuno potrebbe pensare ad un’arte marziale, ovviamente non è sbagliato, ma forse è più corretto parlare...

Kendo – Una battaglia che dura una vita
Daniele Sacco

Kendo – Una battaglia che dura una vita Nell’ultimo secolo dello scorso millennio, e più precisamente nel 1994, la mia...

IKEBANA Tecniche base
Luca Ramacciotti

IKEBANA Tecniche base Studiare ikebana significa approcciarsi seriamente a un percorso artistico. Capita spesso di vedere su internet (specialmente nei...

Sumi-e
Filippo Manassero

Tecniche di pittura Sumi-e Filippo Manassero, artista, ci descrive in questa breve ed efficace introduzione, la sottile magia della pittura...

A proposito di Shiatsu
Manuela Baruffaldi

A proposito di Shiatsu Quando mi è stato chiesto di scrivere qualcosa sullo shiatsu ho provato una grande gioia. Pensavo...

Tornare indietro andando avanti
Luca Ramacciotti

Tornare indietro andando avanti L'ikebana è forse l'arte più mutevole di quelle giapponesi soprattutto a partire da scuole come l'Ohara...

Principi del Kado
Luca Ramacciotti

Principi del Kado Imparare l'arte dell'ikebana non vuol dire prendere lezioni su come si dispongono i fiori in maniera artistica,...

Una tradizione che sfida il futuro
Stefania Cornario

Kokeshi, una tradizione che sfida il futuro Simbolo ed espressione dell’affascinante cultura giapponese, le kokeshi (こけし) sono bambole tradizionali provenienti...

Lo Zen e l'acquario
Carlo Scafuri

Lo Zen e l'acquario Lo Zen rappresenta nel pieno senso della parola una religione filosofica che permea di significato la...

Torna su