Concetti

Concetti

L’estetica dell’eretto formale

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

L’estetica dell’eretto formale: un carattere molto rigido. 

Lo Stile Eretto formale che i giapponesi chiamano chokkan, forse è talvolta ritenuto di facile realizzazione ma, al contrario, richiede esperienza e notevole senso estetico perché risulta, al contrario, di notevole difficoltà.

Per risultare armonioso bisogna conoscere molto bene le proporzioni che questo stile pretende, più degli altri, laddove – caso unico – devono convivere due concetti che sono sicuramente in antitesi: simmetria ed asimmetria. Ma questa parte la analizzeremo più avanti. Il risultato che si deve ottenere dall’impostazione di questo stile è l’aspetto vigoroso, un senso di stabilità e di perfetto equilibrio, “maestosità” accentuata dall’apparato radicale di superficie, in generale la sensazione di un albero nato e cresciuto in un habitat dalle condizioni atmosferiche equilibrate, in un sito dove l’assenza di intemperie, del vento in particolare, hanno contribuito allo sviluppo di un soggetto che possiede un rigore ed un equilibrio stilistico. Questo rigore, se vogliamo dare un’indicazione di sesso, porta le connotazione di una estetica maschile. Tutte le parti della pianta sono legati a questa forma di estetica e ne seguono i canoni. La ricerca della pianta naturalmente inizia dalla caratteristica principale dello stile: un tronco perfettamente eretto che possieda una notevole conicità.
Oltre alle caratteristiche del tronco, la posizione e la distribuzione dei rami è un’altra caratteristica da esaminare.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Questo stile è da consigliare ai principianti per cimentarsi con le regole che esso impone: la maggior parte delle caratteristiche dell’Eretto formale porteranno gradualmente il bonsaista, quasi senza accorgersene, agli altri stili-base.
Il tronco – La sensazione di dominanza e di forza che trasmette questo stile è dovuta in gran parte proprio al tronco perfettamente dritto e verticale. L’ampio nebari si deve estendere in radici di superficie che si affrancano nel terreno conferendo visivamente un senso di stabilità. Il peso dell’albero (parliamo di “peso visivo”) risulta perciò ben equilibrato scaricandosi equamente. E’ perciò necessario avere così un buon esemplare con un apparato radicale di superficie che si estende a raggiera. Spesso si riscontrano grosse radici in corrispondenza di rami robusti: questo fenomeno è spiegato dal fatto che la linfa tende a seguire un percorso verticale, quindi i rami principali dell’albero possono guidarvi nel posizionare e indirizzare le radici di superficie.
L’apice – Si pone il problema della capitozzatura dell’apice all’altezza più proporzionata e alla creazione di un nuovo apice. Si può effettuare la capitozzatura intervenendo all’altezza di un ramo anteriore e posizionarlo con il filo sulla stessa linea del tronco, oppure lasciare un piccolo moncone e legare il ramo a questo in modo da ottenere una linea dritta dalla base all’apice. Il moncone verrà rimosso dopo che il ramo avrà assunto la nuova posizione. Con l’altro metodo si può creare un jin nella zona del tronco capitozzato e questo diverrà il nuovo apice che esalterà pure la conicità.
I rami – Esaminiamo la disposizione partendo dal basso. Dovranno essere posizionati: 
- Il primo ramo in basso deve essere il più lungo e va posizionato lateralmente a destra o a sinistra;
- Il secondo è più corto e più sottile del primo e deve trovarsi nella direzione opposta ad una distanza di circa 1/3 tra il primo ramo e l’apice della pianta;
- Il terzo, più alto del secondo, è posto nella parte posteriore della pianta.

I rami successivi che salgono verso l’apice partono dalla base in forma scalare, quindi risultano sempre più corti, più sottili e vicini e seguono una spirale virtuale. L’apice viene disposto leggermente inclinato verso l’osservatore, accentuandone il senso prospettico. Se il ramo posteriore non è compreso fra quelli laterali, una alternativa valida può essere quella di avere il ramo posteriore collocato al di sopra dei due rami laterali.
L’unico posizionamento da evitare è quello in cui il ramo posteriore risulta più basso, poiché questo appesantisce la prospettiva del bonsai e rischia di fare perdere il senso di profondità.
Se i rami sono posizionati più in basso dell’altezza-regola che lo vuole ad 1/3, si avrà l’effetto di un albero più corto di quanto in realtà non lo sia. Se i rami iniziano ad una altezza maggiore, l’effetto invece sarà quello di un albero più alto e più slanciato.
I rami posteriori devono essere sempre più corti di quelli laterali perché così si rafforza l’effetto prospettico e quindi di profondità. Il ritmo fondamentale dell’Eretto formale dei tre rami – laterale e posteriore – viene ripetuto lungo il tronco in maniera da ricalcare il ritmo creato nel primo livello. Nella zona apicale si potrà impostare qualche rametto sul fronte perché la cima assuma forma conica. La vegetazione dei palchi deve iniziare ad una certa distanza dalla parte basale e la parte inferiore deve essere priva del fogliame.
Visto di profilo, il ramo avrà una forma leggermente curvata, se la curva è eccessiva si ha un contrasto con la linea dritta del tronco. Questo deve avere una certa inclinazione verso la base (in natura ciò è causato dal peso dei rami e della loro vegetazione e in certi casi dalla neve che grava su di essi). Il palco fogliare avrà il profilo di un triangolo scaleno. Visto dall’alto ha una forma ovale, a diamante, o triangolare con la base rivolta sempre verso il tronco.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine

Per quanto riguarda la legna secca, e in questo caso ribadisco la tendenza ad una applicazione smisurata, esagerata, di queste tecniche, gli eventuali shari devono essere lavorati in modo tale da esaltare il carattere rigido del tronco che non subisce la predominanza e la devastazione degli effetti atmosferici. I jin vanno usati con maggiore larghezza e spregiudicatezza poiché il fenomeno dei rami spezzati, in Natura, è abbastanza frequente e riscontrabile pure in soggetti possenti come l’Eretto.

Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Seguici su Bonsai Suiseki Magazine
Social Share:

I tuoi commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Potrebbero interessarti altri articoli in questa sezione?

Lo stile, visione stilistica del Bonsai contemporaneo
Antonio Ricchiari

Lo stile, visione stilistica del Bonsai contemporaneo Una più matura comprensione degli Stili ed una diversa interpretazione è possibile a...

Lo Stile - Dettagli di bellezza
Antonio Ricchiari

Lo Stile - Dettagli di bellezza Nell'interpretazione occidentale il termine "stile" implica il concetto di conformità a una tendenza specifica....

Lo stile Kengai
Antonio Acampora

Lo stile Kengai Questo stile suggerisce l'idea di una pianta che continua a vivere adattandosi all’asperità della Natura; tutto è...

Kabudachi
Antonio Ricchiari

Kabudachi In questo articolo ci occuperemo della ceppaia, che rientra nello stile a tronchi multipli che partono da un'unica pianta...

Amare il bonsai
Antonio Ricchiari

Amare il bonsai Dobbiamo guardare al bonsai come manufatto artistico che parla ai nostri sensi, per apprezzarne la bellezza, ma...

Lo Spirito del Bonsai
Antonio Ricchiari

Lo Spirito del Bonsai La forma del bonsai torna all’osservatore come soggetto efficace, capace cioè di trasformare chi la contempla....

Il tempo ed il bonsaista
Antonio Ricchiari

Il tempo ed il bonsaista Al contrario del concetto di tempo occidentale e moderno che ha una scansione lineare, in...

La scelta del vaso
Antonio Acampora

La scelta del vaso Nella traduzione letteraria degli ideogrammi che formano la parola bonsai, sono legati albero e vaso, un...

L'essenza della ceramica Giapponese
Antonio Ricchiari

L'essenza della ceramica Giapponese Negli ultimi anni il numero di amatori della ceramica raku è cresciuto in tutto il mondo,...

L’estetica dell’eretto formale
Antonio Ricchiari

L’estetica dell’eretto formale L’estetica dell’eretto formale: un carattere molto rigido. Lo Stile Eretto formale che i giapponesi chiamano chokkan, forse...

La Storia delle gibberelline
Fabrizio Araniti

La Storia delle gibberelline I primi ad osservare gli effetti delle gibberelline furono gli agricoltori giapponesi. Questi notarono, in piante...

Alcuni punti fermi
A. Ricchiari, G. Genotti

Alcuni punti fermi A Saint Vincent ho avuto modo di trascorrere parecchio tempo con Giovanni Genotti, uno dei padri del...

La raccolta in Natura
Giovanni Genotti

La raccolta in Natura Il bonsaista, quando si addentra nei boschi o osserva alberi solitari in particolari ambienti, partecipa alla...

La scoperta delle citochinine
Fabrizio Araniti

La scoperta delle citochinine La scoperta delle auxine stimolò molti ricercatori nel cercare altri tipi di composti chimici capaci di...

Note sull’estetica del Bonsai II parte
Antonio Ricchiari

Note sull’estetica del Bonsai II parte L’estetica è stata definita tradizionalmente come lo studio del bello. Alcuni studiosi l'hanno definita...

Lo Stile dei Letterati
Antonio Ricchiari

Lo Stile dei Letterati Il termine giapponese è bunjinji, che è la traduzione del termine cinese wenjen, il nome dei...

La scoperta delle auxine
Fabrizio Araniti

La scoperta delle auxine Nell'articolo precedente (Fitormoni. Cenni storici ed importanza fisiologica) è stata trattata brevemente la storia degli ormoni...

Gli stili bonsai. A cosa servono?
Giovanni Genotti

Gli stili bonsai. A cosa servono? Gli stili sono stati codificati dalle scuole giapponesi di bonsai, derivano dall’osservazione delle piante...

Il ciclo dell’Azoto nel sistema suolo pianta
Fabrizio Araniti

Il ciclo dell’Azoto nel sistema suolo pianta L’Azoto o Nitrogeno (N) è il 4° elemento negli organismi viventi, il 19°...

Metodica di giudizio per valutare un bonsai
Giovanni Genotti

Metodica di giudizio per valutare un bonsai La valutazione di un bonsai richiede conoscenze botaniche, filosofiche, culturali, estetiche, collegate tra...

Assorbimento ed efficienza d’uso dei nutrienti minerali nelle specie vegetali
Fabrizio Araniti

Assorbimento ed efficienza d’uso dei nutrienti minerali nelle specie vegetali Le piante sono organismi autotrofi che ricavano il loro nutrimento...

Note sull'estetica del bonsai
Antonio Ricchiari

Note sull'estetica del bonsai Considerazioni di Antonio Ricchiari sull'estetica del bonsai Alcuni elementi del design del bonsai sono così definibili:...

Percepire il Wabi-Sabi
Antonio Acampora

Percepire il Wabi-Sabi Cercherò di illustrare in maniera chiara tutto quello che ho compreso e percepito sul wabi e sabi...

Fitormoni. Cenni storici ed importanza fisiologica
Fabrizio Araniti

Fitormoni. Cenni storici ed importanza fisiologica Quando un individuo vuole spingere il proprio corpo a fare qualcosa esso può ricorrere...

Torna su